università

Ancora sulla cultura pedagogica all’italiana

di Walter Baroni 

Luigi Monti sostiene che, attraverso lo stile di Frabboni, è possibile “rinvenire l’esatta condizione di salute della nostra cultura pedagogica”. Mi sembra un’osservazione interessante, che vale la pena svolgere ulteriormente.

Il testo che egli cita è di una comicità involontaria irresistibile. Si inizia con un’atmosfera vagamente kafkiana – un pubblico ministero che misteriosamente arringa a favore della Scrittura contro il Mediatico, entrambi rigorosamente con la maiuscola, a indicare che ci muoviamo nell’ambito difficile dell’allegoria. Senza soluzione di continuità si passa a un campo analogico che piacerebbe a Marchionne, scoprendo – almeno credo di aver capito – che la Scrittura è il “turbo formativo” che fa viaggiare l’educazione a quattro cilindri, mentre il Mediatico la spinge con un cilindro solo. Infine, arriviamo a Dumas padre, e improvvisamente compare un “Robin Hood della Scrittura” che scocca “quattro frecce”. Peccato non sapere se il “Robin Hood della Scrittura” sia alla guida del veicolo pedagogico a quattro cilindri o se rubi i manuali di didattica di Frabboni ai ricchi di ingegno per donarli ai poveri di spirito.