Educazione e intervento sociale

A Bologna il mercato dei libri per bambini

di Fulvia Antonelli Stefania Petaccia

 

Tarek ha 8 anni e vive in una comunità minorile: sua madre è stata giudicata incapace di prendersi cura di lui e suo padre è in carcere. Quando arrivo in comunità è alle prese con un albo di figurine di calciatori del nuovo millennio (rispetto al mio): le figurine non si attaccano ma sono card che si collezionano e si infilano in un raccoglitore di plastica. Sono divise per squadre italiane ed estere, ogni card ha un punteggio che però – mi spiega Tarek – non è esattamente legato alla bravura del calciatore. Le bustine di card si comprano in edicola e costano 1,50 euro. Tarek mi spiega che le sue preferite sono quelle special perché sono dedicate ai calciatori più forti e famosi e sono a sfondo dorato lucido con alcune linee opache in rilievo che le fanno scintillare e si percepiscono al tatto.
Tarek le accarezza rapito e si dimentica di spiegarmi il gioco che si fa con queste card che, in effetti, mi sembra che conosca in modo vago: l’obiettivo principale è avere tutte le carte, poi come ci si gioca e con chi non me lo sa spiegare. Dopo un po’ esce sotto casa con l’educatrice a comprare la bustina di carte in cui spera di trovare la card “invincible”, quella dorata, con sopra disegnati i calciatori più famosi e che dà il massimo punteggio e quindi fa sempre vincere a questo gioco misterioso. Per uscire, porta con sé una cartella gigante della scuola in cui non ci sono libri, ma il suo raccoglitore di figurine, come io continuo a chiamarle mentre lui mi guarda alzando gli occhi al cielo.
Intanto da tutt’altra parte della città è iniziata la Fiera del libro per bambini.
Tra brutture e testi raffinati, quello che si può notare è una crescita di adulti che si rivolgono al mondo dell’editoria dell’infanzia. Di fronte a molti testi è difficile comprendere a chi siano rivolti, se al mondo adulto o al mondo dei più piccoli, certo è che molti adulti rivolgono alla letteratura per l’infanzia o che ha per soggetto l’infanzia, la propria attenzione. E più il numero degli adulti cresce e più sembra palesarsi la pressione sociale che si esercita sull’immaginario infantile. L’infanzia scompare dietro questa larga attenzione.
Quello che si nota è un numero crescente di madri, che percorrono curiose i padiglioni della fiera, intente a selezionare i libri per i propri figli. Ascoltando le conversazioni e le loro richieste, è come se ricercassero nei testi una risoluzione pratica ai bisogni o alle difficoltà che incontrano nella loro relazione con i figli. Il testo diventa un modo per farsi aiutare nel convincere il piccolo, nel rassicurarlo, nell’esortarlo a mangiare le difficili verdure o per farlo smettere di piangere. Il mercato sembra accogliere questo bisogno adulto, affidandosi a storie sempre più rassicuranti, lontane dai miti, dalle fiabe più inquietanti, dai mostri e gli orchi, che i grandi per primi forse non sono capaci di accogliere.
Quest’anno il paese ospite d’onore è la Cina. Non è un caso che la fiera di Bologna abbia voluto stringere una collaborazione con la China Shangai International Children’s Book Fair, poiché quello cinese rappresenta il mercato del libro per bambini in più rapida crescita nel mondo, dove si pubblicano più di 40mila titoli l’anno e dove sono in commercio attualmente circa 300mila titoli di libri per bambini e ragazzi. Da dove viene questo boom? Un’analisi del mercato del libro per bambini e ragazzi pubblicata da “Publishers Weekly” spiega come in Cina sia in forte espansione una classe media più giovane, più istruita e con un buon reddito, disposta quindi a spendere per arricchire l’educazione e il tempo libero dei figli. Una grossa fetta di acquisti di libri per bambini non avviene in librerie specializzate ma on-line attraverso la versione cinese di Amazon, il portale di e-commerce Dangdang, così come la promozione e il successo dei libri non dipende da recensioni su riviste specializzate o consigli del libraio, ma prevalentemente da campagne pubblicitarie on line. La fine della politica del figlio unico inoltre ha già fatto prevedere un ulteriore incremento del valore di questo settore, spingendo anche case editrici estere ad affacciarsi sul mercato cinese dell’editoria per bambini. Un’impresa non semplice, poiché tale mercato è controllato dallo Stato, che in passato ha censurato numerosi libri esteri – i casi più famosi Peppa Pig, Winnie-the-Pooh e Willie Wonka e La fabbrica del cioccolato, accusati di diffondere valori occidentali ostili alla cultura cinese – e che lo Stato ha quindi deciso di limitare l’importazione di libri stranieri per proteggere le produzioni nazionali.
La Fiera di Bologna è popolata da piccoli editori italiani ed esteri che occupano nicchie di mercato in cui qualità delle illustrazioni – il vero punto di forza di queste produzioni –, ricerca, attenzione alle storie e agli immaginari dei bambini e dei ragazzi, si coniugano con esiti molto elevati, come nel caso di Orecchio Acerbo, Topi Pittori, Else, Canicola Edizioni, A Buen Paso. Tuttavia l’editoria italiana per bambini è dominata da pochi grandi editori.
Le opere dei piccoli editori di qualità, infatti, per quanto acquisiscano una certa visibilità all’interno della serie di premi speciali organizzati dalla Fiera, di fatto, nella giungla degli stands – dati anche gli alti costi di affitto degli spazi – sono confinati in padiglioni sperduti e dividono ristretti quadrati di tavolini in spazi affittati collettivamente. A dominare, quindi, sono il libro oggetto-gioco per i bambini più piccoli e le serie già affermate come Geronimo Stilton, Il diario di una schiappa, Harry Potter. Inoltre, la percezione – testimoniata dai numerosi incontri e spazi dedicati al tema della multimedialità – è che il libro per ragazzi sia destinato a essere sempre più connesso ad applicazioni digitali, tv e mondo dei videogames, che ne cambieranno i confini, la materialità e la natura.
Pensando a Tarek: quante possibilità avrà di incrociare libri scritti e illustrati da adulti interessati ad accrescere la sua immaginazione? Che sappiano declinare anche in altri modi il suo gusto tattile per il libro, per i colori, per i personaggi eroici, per le storie che lo allontanano, illuminano o creano fantastiche vie alternative di riflessione sulla sua realtà di bambino abbandonato?
Forse saranno necessari: insegnanti colti capaci di andare a cercare nella giungla dell’editoria per bambini i frutti più inaspettati; librai e bibliotecari che sappiano essere operatori culturali appassionati, capaci di accompagnare insegnanti, genitori e bambini in questa caccia alla tigre; risorse pubbliche perché le piccole case editrici che producono libri di alta qualità hanno un prezzo che non può competere sul mercato dei grandi monopoli dell’editoria mainstream e che è inaccessibile alle tasche di genitori di classe popolare; autori capaci di prendersi cura di lui.
Di tutto questo, stretta fra domanda, offerta e sogni di grandi business, la Fiera del libro per bambini non sembra occuparsi.

 

Educazione e intervento sociale

Come si insegna la letteratura

di Claudio Giunta

incontro con Gabriele Vitello

disegno di Andrzej Klimowski

Questo articolo è stato pubblicato sul numero 51 de “Gli asini”: acquista il numero e abbonati per sostenere la rivista.

Da diversi anni ti occupi di scuola. Molti dei tuoi articoli sono ora usciti in volume con il titolo E se non fosse una buona battaglia? Sul futuro dell’istruzione umanistica (Il Mulino 2017). Inoltre hai scritto un manuale di letteratura italiana Cuori intelligenti (Garzanti 2016). In questi anni che idea ti sei fatto della scuola italiana? Quali sono i suoi problemi più urgenti?
Intanto, devo confessarti che se mi proponessero di diventare ministro rifiuterei, perché la gran parte dei problemi della scuola italiana mi sembrano immedicabili! Quello più urgente secondo me riguarda gli insegnanti. Ce ne sono, ce ne sono sempre stati, di ottimi e di tremendi. Vedo da una parte frustrazione, negli ottimi, perché fanno un mestiere che non gli permette né di guadagnare bene, né soprattutto di progredire in carriera. I cattivi invece sono spesso ignari di essere dei cattivi professori e non sono all’altezza della professione. I buoni non vengono premiati, non sono incentivati a rimanere buoni; i cattivi non sono incentivati a migliorare. Il problema più grosso è questo. L’ultima volta che ai Pas (“Percorsi abilitanti speciali”) abbiamo bocciato una buona percentuale dei candidati, molti hanno fatto ricorso al Tar (perdendo): ma tra questi qualcuno sbagliava a coniugare i verbi, qualcuno metteva Machiavelli nel Seicento, cose del genere. Che in altre città, altri atenei, si sono, come si dice, “fatte passare” per quieto vivere, per non crearsi problemi…

Tu denunci, giustamente, l’assenza di una vera selezione degli insegnanti ma occorre anche pensare a una loro formazione organica, disciplinare e didattica.
Sono d’accordo, non sono uno di quelli che dicono che conta solo sapere le cose, e non credo neanche che la pedagogia negli ultimi anni abbia contribuito a una svalutazione delle discipline in favore dei metodi e delle tecniche d’insegnamento. Ci sono pedagogisti stupidi, così come ci sono italianisti stupidi. Purtroppo spesso i pedagogisti stupidi hanno occupato posizioni di potere al Miur, quindi nel mio libro prendo anche in giro il gergo assurdo di alcuni di loro.
Attualmente si sta profilando un percorso di specializzazione dei futuri insegnanti all’interno delle università che dovrebbe durare, credo tre anni, che mi sembrano tanti. In questo triennio, evidentemente, più che approfondire le discipline si affineranno le tecniche di insegnamento, la didattica, l’antropologia, la sociologia, la psicologia. Io sono favorevole a una preparazione meno generica che in passato su queste discipline, ma non sono favorevole al fatto che – come temo possa succedere – lo studio di queste discipline faccia scivolare in secondo piano quello dell’italiano, della storia e delle altre materie scolastiche. Un’altra cosa che mi preoccupa molto è il fatto che si scindano così nettamente la carriera, diciamo dell’intellettuale e quella del professore. Sino a oggi poteva succedere che finiva a fare l’insegnante qualcuno che era partito per fare il giornalista, l’attore di teatro o il chimico. Normare in maniera così tassativa la carriera dell’insegnante può impoverire l’offerta nella scuola del futuro. La carriera del professore rischia di essere intrapresa soprattutto da persone banali o poco ambiziose. Ne, se un chimico ha lavorato alla Bayer e si è stancato dell’azienda, può andare a insegnare. Non mi sembra male avere come insegnante di chimica un ex della Bayer. In Italia la trafila è rigida, e rischia di essere ancora più rigida in futuro. Anche se uno è il migliore matematico del mondo, nessun dirigente scolastico può assumerlo, perché non ha dato i crediti giusti al momento giusto. Non è un buon sistema.

È questo il motivo per cui in un tuo articolo hai proposto di permettere subito ai dottori di ricerca di insegnare a scuola?
Sì, certo, io ho sollevato il problema dei dottori di ricerca per questo. So benissimo che ci vuole l’apprendistato didattico e pedagogico. Tuttavia, mi chiedo, perché non si possono prevedere percorsi diversi più flessibili per chi vuole fare questo lavoro? Perché io che sono un bravo professore universitario non posso insegnare due anni a scuola? Quello che mi spaventa è il contrario del neoliberismo, che tirano sempre in ballo molti miei interlocutori di sinistra, è il Moloch: l’idea che ci sia un solo modo per fare le cose, per essere insegnanti. Certo, bisogna responsabilizzare i decisori, come i dirigenti scolastici. Pietro Ichino ha proposto un progetto interessante di totale decentralizzazione della scuola, immaginando le comunità locali che si organizzano e assumono, come si farebbe in un’azienda, dopo un colloquio di lavoro. Mi pare una proposta da meditare.

Molte parole-chiave della pedagogia contemporanea provengono dal campo economico, dal management, come il concetto di competenza o quello di meritocrazia. Sei d’accordo con quanti ritengono che le riforme degli ultimi anni – non ultima quella che ha introdotto l’alternanza scuola-lavoro – siano il prodotto di visioni politiche neoliberiste?
La parola neoliberismo mi fa venire l’itterizia. Soprattutto in Italia, dove di liberalismo ce n’è sempre stato poco e di liberismo economico rettamente inteso ancora meno. In genere chi parla di neoliberismo non ha idea di cosa sta dicendo, ripete quello che sente dire nella sua bolla. Nella pedagogia e nella didattica, osservo semmai una specie di deriva comicamente teoricistica. Sono discipline eminentemente pratiche, basate in primo luogo sull’esperienza, che non possono trasformarsi nelle gimcane verbali di cui do qualche saggio in un capitolo del libro, Didattica della fuffa. Non credo proprio che la stupidità di questa pedagogia venga dalla lettura o dalle prescrizioni del Ministero dell’economia. È filosofia mal digerita, Husserl mal digerito, un gergo in realtà molto umanistico, che flirta, certamente, con una scienza economica largamente ignorata (la gran parte dei laureati in Lettere ha problemi a fare un bonifico online). Le storture più gravi della scuola italiana sono lì da decenni. C’è un gergo, un’attitudine, che addirittura è più ottocentesca che postmoderna.
È vero: negli ultimi anni ci sono state delle deviazioni che hanno tradito, in parte, il compito della scuola. Si è trattato però del tentativo – giusto in linea di principio – di far rendere la macchina, e di valutarla. Questa smania di misurare e di valutare – di ridurre a tabella quello che non si può ridurre a tabella – corrisponde a uno Stato che vuole vedere come vengono investiti i soldi ma lo vuole vedere in maniera sbagliata, non selezionando i professori, bensì imprigionandoli in una gabbia di regole, che è il modo migliore per produrre dei criminali. La colpa di tutto questo è la stupidità, l’approssimazione, la secolare cialtroneria italiana, non il neoliberismo. Lo Stato dovrebbe lasciare piena libertà, invece il nostro è una simil-Unione Sovietica che diffida dei suoi impiegati, e perciò li perseguita.
Per quanto riguarda il progetto dell’alternanza scuola-lavoro, l’idea di avvicinare i ragazzi al mondo del lavoro mi pare più che sensata. Penso che, a 17 anni, fare un mese di lavoro estivo pagato sia una cosa buona. Tuttavia, estendere l’alternanza scuola-lavoro ai licei mi pare un partito preso velleitario. Inoltre, se si comincia a distruggere il programma scolastico, a screditarlo dicendo che il lavoro è più importante, si umilia la scuola, si umiliano i professori. Io non sono contrario al principio ma all’applicazione, al fanatismo con cui in Italia si passa dai principi della scuola gentiliana all’idiozia di far stare i ragazzi dentro un ufficio a fare fotocopie (quando va bene).

Cuori intelligenti è un manuale pensato per gli studenti ed è scritto con un linguaggio molto accessibile. Ci sono delle novità interessanti sul versante della prosa saggistica, ma non stravolge né il canone né l’impianto storico dei manuali tradizionali; è insomma, da questo punto di vista, meno radicale di quanto non sia stato Il materiale e l’immaginario (Loescher) alla fine degli anni settanta. Forse ci sono state resistenze da parte dell’editore? Tu avresti fatto altre scelte, tagli o aggiunte?
Sono contento della risposta che il mio manuale sta ricevendo e non cambierei niente. L’editore mi ha dato dei limiti e dei suggerimenti; non ho rinunciato a molto. Alcuni insegnanti lo trovano molto innovativo; io no. Ci sono case editrici che possono contare su una tradizione di manuali, questo è invece il primo manuale di letteratura di Garzanti e DeAgostini, quindi non si poteva osare troppo. E poi forse non è nemmeno giusto osare troppo, nel senso che la cultura che viene trasmessa a scuola deve creare dei cittadini diversi dai precedenti ma non troppo diversi. Se poi mi chiedi se io insegnerei la letteratura così, seguendo l’impostazione cronologica di tutti i manuali, compreso il mio, forse ti direi di no. Bisognerebbe riflettere su “a cosa serve la letteratura a scuola”.

Nei tuoi interventi più di una volta osservi che i ragazzi studiano troppo Dante e troppi classici lontani dal loro vissuto e dal loro mondo. Solo negli ultimi mesi del quinto anno si riesce a leggere la letteratura del Novecento. Per fare conoscere ai giovani il Novecento, bisogna forse riformare l’impianto storico dell’insegnamento della letteratura? Non insegnare più storia della letteratura ma più semplicemente letteratura?
Sono d’accordo: è la storia letteraria del triennio che bisogna ripensare: fare leggere libri interi e racconti, anche stranieri. Inoltre, bisogna proporre testi che siano vicini ai ragazzi, quindi Otto e Novecento. Mentre all’università, se uno vuole fare Lettere, allora impara il latino e a parafrasare bene Dante. Si suppone infatti che lo studente di Lettere sappia leggere i contemporanei per conto suo. Bisogna chiedersi qual è l’obiettivo della cultura letteraria a scuola. È quello di insegnare la storia della letteratura o di fare amare i libri ai ragazzi? Sono due obiettivi molto diversi e io sospetto che sia molto difficile farli coincidere. Se tu, a un ragazzo dell’istituto tecnico, fai leggere per due anni e otto mesi cose che non gli parlano, che vanno da Giacomo da Lentini a Giovanni Verga (perché la verità è che Rosso Malpelo non gli parla) e solo negli ultimi due mesi gli fai conoscere la letteratura contemporanea, questo ragazzo, una volta uscito da scuola, non aprirà mai più un libro in vita sua. Se invece l’obiettivo è far amare la letteratura, allora non è importante sapere quand’è vissuto Torquato Tasso, ma che gli studenti al termine degli studi entrino in libreria e in biblioteca, e continuino a leggere per conto loro. A questo scopo, bisogna fare molto Novecento, e, a partire dai classici del Novecento, riprendere i grandi autori del passato. Questa cosa ha certamente un costo: la popolazione italiana media non saprà più che Ariosto è un poeta vissuto nel Cinquecento. Ma la verità è che non lo sa nemmeno adesso. Mi si spezzerebbe il cuore se il De vulgari eloquentia non venisse più conosciuto dagli italiani, ma di fatto già non lo conoscono, e i ragazzi confondono il Rinascimento con lo Stilnovo. Più Rinascimento? Più Stilnovo? Mi pare difficile, e forse neanche augurabile.
Dopodiché, per sdrammatizzare un po’, ti dico che non conta tanto quello che fai, quanto l’esempio che dai ai ragazzi. Quand’ero adolescente, quello che mi serviva non era leggere Ariosto o Pirandello, ma incontrare persone colte, perché non le avevo in famiglia. A scuola ho incontrato persone laureate, colte, e alcune erano persone davvero eccellenti: ho capito che volevo diventare come loro, sapere quello che sapevano loro. La scuola è un luogo d’incontro tra un giovane e un adulto che sa di più e vuole il suo bene. A scuola si comunicano valori umani fondamentali, e questo avviene per contatto; la materia e il programma sono secondari. Se uno è cretino, può insegnare Foscolo o Moravia, ma farà danno in entrambi i casi; viceversa, se un insegnante è bravo, va bene tutto: è importante l’esempio, l’ispirazione che dai. “Ama e fa ciò che vuoi”, diceva Agostino; ed è giusto.

L’insegnamento della letteratura italiana ha svolto per un secolo una funzione ideologica importante, forgiando l’identità nazionale. Oggi la scuola e la società sono sempre più multietniche e questa funzione è venuta meno. Secondo te, questo cambiamento deve riflettersi anche sui programmi?
L’insegnamento della letteratura non deve cambiare per questo. L’arte, la letteratura e il cinema sono molto importanti per rendere queste persone cittadini di un Paese che conoscono poco, per stabilire un rapporto affettivo con esso. I nuovi italiani hanno bisogno di condividere le cose che noi abbiamo imparato nel tempo, e io credo che la nostra tradizione culturale abbia valore soprattutto per loro. Devo dire che la vecchia idea di fare un manuale europeo non mi convince: i ragazzi hanno bisogno di cultura condivisa, per cui si facciano i loro Dante, Petrarca e Boccaccio. Eviterei di fare al triennio letture orientate per i nuovi italiani, non credo molto a queste balle della letteratura della migrazione: ci sono dei grandi libri che vanno letti anche se parlano di maschi bianchi occidentali.

Questo articolo è stato pubblicato sul numero 51 de “Gli asini”: acquista il numero e abbonati per sostenere la rivista.

Educazione e intervento sociale

Come accogliere, ovvero: che cos’è il Cnca

di Armando Zappolini. Incontro con Goffredo Fofi e Nicola Villa

illustrazione di Gabriella Giandelli

La costituzione formale del Cnca, Coordinamento nazionale comunità di accoglienza, è del 1982. Il nome “comunità di accoglienza” è ormai da tanti anni “stretto”, perché contiamo comunità di molti tipi: più di novecentocinquanta case di accoglienza tra cui circa duecento comunità per tossicodipendenti, che è il settore da cui provengo, ancor di più comunità per minori, quindi sia comunità educative che comunità familiari, una cinquantina di strutture familiari di accoglienza per disabilità, case di fuga per donne vittime di tratta, detenuti, e negli ultimi anni di profughi e rifugiati politici. Da diversi anni l’area minori – famiglie affidatarie – è diventata maggioritaria e in questi ultimi anni l’area accoglienza migranti è diventata come numero di persone accolte e di strutture la più numerosa. Però storicamente la cosa più evidente prima era sempre stata quella delle dipendenze. Anche io vengo da quel mondo lì. Inoltre la maggior parte delle azioni del Cnca è educativa e riguarda i servizi, un lavoro più di strada. Uno dei passaggi che ha caratterizzato gli ultimi anni è stato dalle comunità di accoglienza a comunità accoglienti cioè a luoghi che aiutino il territorio ad avere uno sguardo di accoglienza. Attualmente il Cnca conta 256 gruppi nei quali lavorano più di quindicimila persone, con una media maggioritaria di laureati ed educatori, insieme a migliaia di volontari stabili, quindi non occasionali. Come struttura organizzativa il Cnca ha un presidio istituzionale in ogni regione, esclusa la Val D’Aosta. Liguria e Piemonte, Abruzzo e Molise sono insieme, poi tutte le altre regioni hanno la federazione che si costituisce se ci sono almeno un minimo di cinque gruppi.

Ciò che caratterizza il Cnca da sempre è il lavoro in rete col servizio pubblico, rifiutando logiche privatistiche. Un’altra peculiarità è quella di essere sempre soggetto politico, non essere come spesso ci ripetiamo “prigionieri del fare”, uno dei più grossi limiti che riscontriamo nel terzo settore soprattutto cattolico dove manca questa capacità di visione, di lettura. Sono ormai diversi anni, non solo a Spello, che è il nostro momento annuale principale, che in tutti i nostri momenti assembleari nazionali non si parla più di servizi, non si parla più di droga, ma si parla di politica, di cambiamento, di sogno, di pozzi dove scavare freschezza per attraversare il deserto, della “logica del soffione”, qualcosa che si contamina, che va, i piccoli gesti che però devono essere capaci di diffondersi.

Educazione e intervento sociale

Un liceo finito sui giornali

di Stefano Guerriero

disegno di Fabian Negrin

17 novembre 2017, i ragazzi fanno sesso a scuola

Rinaldo Frignani, 17 novembre 2017, “Corriere della Sera”: Al liceo Virgilio i ragazzi fanno sesso a scuola. Il video sui social. Leggo l’articolo sul sito del giornale, questo Frignani sembra un bravo giornalista, misurato, non vuole destare scandalo, non dà per certo quello che non è confermato e per questo sembra ancora più credibile. Scrive bene, ha il gusto dell’avverbio e del dettaglio realistico, parla di un episodio che sarebbe successo nel liceo dove insegno, durante l’occupazione di ottobre: “Questa volta un ragazzo, probabilmente uno studente, rischia una denuncia per produzione e diffusione di materiale pedopornografico. E anche per violenza privata: è stato lui, utilizzando la piattaforma WhatsApp, a inviare a decine di contatti il video che aveva registrato poco prima all’interno dell’istituto.” La parola “video” nel titolo è in blu: possibile che siano stati così cinici da postare il video anche loro? Il “Corriere” è in crisi da tempo, ma i giornalisti avranno pure un’etica, una deontologia… Ci penso un po’ e alla fine clicco (chissà perché si clicca), ma per fortuna il rimando è solo ad altre parole.

 

18 novembre, cocaina in classe

Bisogna, di nuovo, rinviare Dante e parlare nelle classi di quello che sta succedendo nella scuola, anzi di quello che ne scrivono i giornali, questa volta mettendo da parte il fastidio che provo per l’ipocrisia della passata occupazione e di chi l’ha preparata. Penso a fatti di cronaca recenti, immagini che vanno fuori controllo e portano le persone a scelte disperate nella vita reale, penso alla ferocia degli adolescenti di Netflix (Tredici). Bisogna capire se questo video davvero esiste, chi riguarda, cercare di proteggerli per quanto possibile. Sociologi e psicologi di grido si esercitano da anni su quotidiani e riviste, questionano e discettano sulla nostra società troppo libera, in cui tutti si sentirebbero responsabili solo di fronte ai propri desideri, ma lo hanno ripetuto così tante volte, da perdere il contatto con il mondo reale: in questa società in cui ognuno sarebbe libero di fare quello che vuole, le persone provano vergogna o colpa – o tutte e due insieme – in modo inaspettato, frequente, imprevedibile, soprattutto in giovinezza.

Quando compro il “Corriere della Sera” prima di entrare in classe, mi chiedo se per caso non abbiano ragione psicologi e sociologi. In prima pagina, subito sotto le notizie sulla morte di Totò Riina (Il padre del bambino sciolto nell’acido: troppo tardi, doveva morire 50 anni fa. Niente funerale per il boss dei boss), ci sono quelle del liceo: Video hard e bombe carta, parla la preside. La “cricca” del Virgilio: tutti figli della Roma bene. Dentro, un’intera pagina in nazionale con un articolo e un’intervista alla preside reggente dell’istituto, che parla di clima mafioso e intimidatorio all’interno della scuola, poi altre due pagine in cronaca di Roma: Cocaina in classe al liceo Virgilio. I genitori: pazienza. Un altro caso dopo il video hard e i petardi, accanto un editoriale del vicedirettore Antonio Polito, Cari papà, care mamme (ma non aveva scritto un libro Contro i papà?).

Entro in classe con un trasalimento nuovo: e se non fossero i ragazzi che conosco, ma un’accozzaglia di mafiosi e aspiranti pornofilmakers, figli cocainomani di genitori sballati? Parliamo, leggiamo i giornali, interpretiamo, opinioni diverse, molta volontà di ascoltare, sincero bisogno di capire che cosa sta succedendo, no non sono cocainomani incalliti. Ma soprattutto grande stupore quando sollevo la questione del video: stupore vero, non le facce furbe e omertose di quando chiedi che cosa c’era da studiare per oggi e tutti tacciono, sapendo esattamente cosa c’era, ma sperando che tu non te lo ricordi. Stesso stupore in tutte le classi, stesso stupore registrato da tutti gli insegnanti.

Educazione e intervento sociale

L’infinito discorso sulla scuola

di Federica Lucchesini

disegno di Matticchio

Negli ultimi mesi del 2017 sono usciti due libri di cui si è parlato molto e a cui si continua a far riferimento nei discorsi sulla scuola. Uno è della storica Vanessa Roghi, dedicato a Don Milani (La lettera sovversiva. Da Don Milani a De Mauro, il potere delle parole, Laterza 2017) e l’altro è dello scrittore, giornalista e insegnante Christian Raimo, sulla scuola e le sue recenti trasformazioni (Tutti i banchi sono uguali. La scuola e l’uguaglianza che non c’è, Einaudi 2017). Sono entrambi libri non specialistici, di lettura semplice ma di ragionamento complesso, che mirano a costruire una visione di scuola pubblica, democratica, inclusiva.

Roghi da storica ricostruisce filologicamente il tempo, le condizioni e le ragioni dello scritto più celebre di Don Milani, illuminando la portata culturalmente e creativamente dirompente dell’utopia politica di una scuola per tutti.

Raimo si impegna come critico culturale militante a descrivere le attuali politiche scolastiche nelle loro cornici ideologiche. Nella prima parte del libro riporta dati ed esemplifica la situazione, dal determinismo sociale delle carriere formative (la scuola superiore che farai dipende da quanto hanno studiato i tuoi genitori) al business delle ripetizioni (se vai bene al liceo dipende da quanti soldi hai). Analizza l’urgenza di vincolare sempre più strettamente la formazione scolastica alla domanda del lavoro; cerca di spiegare l’ossessione valutativa per quello che è: gli effetti sulla vita scolastica del generale progetto di governa-mentalità attuale, che tramite la rendicontazione classificatoria e normativa mette in carico ai soggetti l’esecuzione di procedure stabilite altrove, per esiti redistributivi impari. Le attribuzioni di valore che produciamo solerti con procedure di rendicontazione valutativa standardizzate, e in base alle quali crediamo di scegliere il meglio e come agire, non sono neutre né trasparenti né efficienti: perché soprintendono a definire quali risorse e possibilità siano disponibili per quali soggetti e imprese, senza passare per luoghi di verifica e discussione politica in cui si rielaborano bisogni, scopi e presupposti. Non sono concetti semplici perché non viviamo in un mondo semplice. Raimo non lo dice esattamente così ma ricostruisce le idee sottese ai recenti documenti di politica scolastica, attribuendole alle loro fonti, spesso connesse a think-tank di gruppi finanziari ed economici dominanti. Nella seconda parte del libro tratta infatti di “competenze” e dell’alternanza scuola-lavoro, elementi decisivi del processo di trasformazione istituzionale delle scuole. Sistematizza e rende disponibili una serie di riflessioni importanti, prodotte nell’ambito della ricerca accademica o del pensiero critico, sul concetto di competenza e analizza come è stata applicata l’alternanza scuola lavoro, sulla base di quali accordi e con quali parole è stata descritta nei documenti ufficiali. Tutto realmente utile.

In chiusura, nel capitolo finale intitolato La gioventù assurda, Raimo si appella alla necessità di un discorso sulla scuola rivoluzionario, consapevolmente politico e problematico. E scrive con un tono diverso.

Di fatto si può essere grate al libro di Raimo: argomenta chiaramente, riporta dati e fonti, il suo discorso è attendibile, concreto, fondato su un lavoro di studio che permette di sapere di cosa si sta parlando, schierato sulla parte che riconosco. Eppure un senso di inquietudine, di insoddisfazione mi rimane. Forse perché l’urgenza della lotta tollera a stento persino il conforto della dimostrazione esemplare; perché siamo assetate di discorsi sulla scuola che resistano a essere tritati e ridetti in chiacchiera nei circoli del consumo culturale, nelle nicchie di status o gusto.