appuntamenti

Accoglienza e assistenza ai richiedenti asilo

 

Illustrazione di Ann Xiao

Illustrazione di Ann Xiao

Martedì 23 giugno 2015, h. 18,30
Biblioteca Amilcar Cabral
via San Mamolo 24 

Accoglienza e assistenza ai richiedenti asilo
Pratiche e politiche a Bologna e in Emilia-Romagna

 

Il richiedente asilo è diventato l’icona del sociale italiano di questi anni come il matto lo è stato negli anni Settanta e il tossicodipendente negli anni Ottanta. Sopravvissuto alle guerre, al deserto e al mare, il profugo diventa oggetto di accoglienza, di assistenza.
Come viene praticata questa assistenza? In quali condizioni e a partire da quali valori e culture lavorano educatori, assistenti sociali, psicologi, insegnanti di italiano, funzionari o assessori degli enti locali, operatori del pubblico come del privato sociale, delle cooperative o dei centri d’accoglienza? Come vengono utilizzati i finanziamenti per l’accoglienza ai richiedenti asilo, che rappresentano gli ultimi importanti trasferimenti finanziari in un periodo di pesanti tagli ad altri settori del sociale?
A parte gli eclatanti casi di corruzione su cui indaga la magistratura, vi sono tanti piccoli processi di “corruzione” cui le maglie delle nostre burocrazie assistenziali ci espongono tutti, “assistiti e assistenti”. È possibile operare, in questo quadro, per una “liberazione” effettiva dei profughi e dei rifugiati? E come?
A partire dal dossier dedicato a questi temi dalla rivista Gli Asini, ci interessa discutere di cosa succede a Bologna e in Emilia-Romagna: come è praticata l’accoglienza su questo territorio? Come questi processi stanno cambiando il welfare cittadino e regionale? Quali conflitti portano con sé? Quali pratiche è sensato mettere in atto?

Parteciperanno: 

Luigi Monti, direttore della rivista Gli Asini

Francesco Ciafaloni, collaboratore della rivista Lo straniero

Marco Carsetti, Else edizioni

Chris Tomesani, responsabile Ufficio di piano, Comune di Bologna

Giacomo Rossi, coordinatore cooperativa Arca di Noè, Bologna

Fausto Stocco, responsabile Comune di Modena per lo Sprar (Servizio protezione richiedenti asilo e rifugiati)

appuntamenti

Cosa imparare a scuola?

Primo incontro residenziale SAC, 3-6 settembre 2015, Cecafumo, Piteglio, PT

 

Il SAC è un seminario permanete di ricerca sulle azioni didattiche e culturali, organizzate e

 cooperative, nella scuola del primo ciclo. La proposta è di auto-formazione a pratiche di ricerca

educativa, per agire nella scuola con tecniche cooperative e consapevolezza culturale.

 

Incontrarsi, raccontare, rielaborare assieme, studiare teorie e tecniche didattiche per agire

nell’anno scolastico col supporto di una rete di ricerca e di azione.

 

Il primo incontro si terrà da giovedì 3 a domenica 6 settembre 2015 (arrivo prima o dopo cena

giovedì / partenza domenica subito dopo pranzo).

 

appuntamenti

Perché Ivan Illich oggi? A proposito di Genere e Sesso

 

illich 

 

 

Giovedì 4 giugno 2015, Ore 17 e 30.

Centro delle Donne, via del Piombo 7, Bologna

 

Nel 1982, a Berlino quando Ivan Illich scriveva Gender per descrivere “il passaggio da un mondo sotto l’egida del genere ad uno sotto il regime del sesso”, in confronto serrato con Barbara Duden e in base ad una smisurata raccolta di fonti attestate in nota, Gianna Pomata e Raffaella Lamberti, ospiti di Barbara Duden per motivi di studio, si trovarono a discuterne. Il libro uscì in inglese per la Pantheon Book nel 1982 e in Italia per Mondadori nel 1984.

Nel ripubblicare Genere. Per una critica storica dell’uguaglianza (Neri Pozza, 2013) Agamben scrive che è venuto il tempo della leggibilità e lettura di un autore quale Illich.

Cruciale nell’attenzione a forme di vita degne di essere vissute e capaci di convivenza plurale, esterno al mondo accademico, Illich ha goduto di larga visibilità in passato e gode di una nuova eccentrica centralità. Nel suo percorso di critica decisiva della modernità e delle sue istituzioni (chiesa, scuola, medicina, mezzi di trasporto, ecc.) e d’interrogazione radicale sull’enigma del male, la “terribile corruzione di ciò che è più eccellente”, Gender rappresenta una svolta e incrocia interessi teorici e pratici dei femminismi e di donne e uomini differenti.

 

Ne parlano con il curatore della nuova edizione italiana, Fabio Milana,

FSCIRE ( Fondazione per le Scienze Religiose “Giovanni XXIII”)

 

Gianna Pomata, docente di storia della medicina al Department of the History of Medicine della Johns Hopkins University, Baltimora;

Raffaella Lamberti, di Orlando, curatrice del Corso transdisciplinare di etica e politica in capo all’Università di Bologna e a Orlando .

 

 

 

appuntamenti

Un premio sui generis

di Gianfranco Schiavone

depliantgiorgetti

 

Insieme all’ICS, all’ASGI e a molti altri amici (tra cui scrittori e persone più o meno note impegnate nella tutela dei diritti umani) ho realizzato, dal 2013, un premio internazionale (il Premio Internazionale Marisa Giorgetti) che giunge quest’anno alla terza edizione. Il premio (rinvio al sito per leggere le particolari ragioni dell’intitolazione a Marisa Giorgetti) ha un taglio del tutto peculiare perchè intende dare visibilità e valore alle opere e alle azioni delle molte persone, in Italia, in Europa o in altre parti del mondo, che sono rimaste poco note, o persino sconosciute, per condizionamenti geografici, politici o sociali, o per scelta di riservatezza, pur avendo prodotto opere letterarie di pregio (nelle forme più varie, dal romanzo, al raccolto, al reportage) nello specifico tema delle migrazioni internazionali, ovvero avendo operato in campo sociale o culturale per la promozione dei diritti umani fondamentali con particolare attenzione ai cambiamenti profondi che le migrazioni determinano sia nella società di destinazione che in quella di origine.

appuntamenti

I nuovi corsi di Asinitas

asinitas
 
Sono aperte le iscrizioni alle iniziative di formazione dell’Associazione Asinitas!
 
 
Sabato 14 Marzo 2015, ore 9:30 – 18:30 e 

Domenica 15 Marzo 2015, ore 9:30 – 17:30
in via Policastro 45 (quartiere Torpignattara a Roma),
“Mobilitare la partecipazione. Coscienza, responsabilità e libertà dal basso”, a cura di Simone Deflorian.Week-end di sperimentazione del metodo pedagogico di Paulo Freire per l’attivazione dei cittadini alla risoluzione dei conflitti che vivono nel contesto in cui abitano. 
Il corso è a numero chiuso. 
Per iscriversi: contatti@asinitas.org – 340 0573209 – 333 2108694 
C’è tempo fino al 28 Febbraio. 
 
27, 28 e 29 Marzo 2015 presso l’Agriturismo “La Sonnina”, Genazzano (RM), “Ritrovarsi in una nuova lingua”,a cura di Asinitas Percorso di formazione residenziale di tre giorni per sperimentare metodi dell’educazione attiva nell’insegnamento dell’italiano come seconda lingua. 
Per iscriversi: contatti@asinitas.org – 340 0573209 – 333 2108694 
C’è tempo fino al 18 marzo 
 
 
IMPORTANTE: I corsi sono a numero chiuso, è necessario iscriversi!
Per iscrizioni e informazioni: contatti@asinitas.org – www.asinitas.org  340 0573209 – 333 2108694