A volte ritornano

di Gad Lerner

Questo articolo è stato pubblicato sul numero 57 de “Gli asini”: acquistalo in pdfabbonati o fai una donazione per sostenere la rivista.

Sono consapevole di essermi scelto un titolo più adatto a un’opera di “horror fiction” alla Stephen King che non a un convegno di storici. Ma credo che, al di là della semplificazione giornalistica di una materia complessa, sia utile un tentativo di comparazione che evidenzi le analogie e le differenze fra il razzismo di Stato dell’Italia fascista e le pulsioni xenofobe alimentate (anche, non solo) dall’alto nel tempo presente.

Ciò rende necessario confrontarsi, ottant’anni dopo, con il classico espediente retorico che consiste nell’apparente capovolgimento di quasi tutti gli argomenti di senso comune impiegati nel discorso pubblico a proposito di “noi” e “loro”; gli italiani e gli stranieri; gli autonominati portavoce del popolo contrapposti a chi non è considerato degno di farne parte.

Esaminerò alcuni di questi capovolgimenti che sembrano rendere molto distante dalla realtà odierna il 1938, senza dimenticare che noi lo reinterpretiamo alla luce dei terribili sette anni di persecuzione che gli seguirono e che allora in pochi avrebbero previsto. La supina accettazione delle leggi razziali rimane peraltro un evento considerato inspiegabile dall’italiano medio, che non riesce quasi a credere sia potuto davvero accadere in un paese come il nostro al tempo dei suoi genitori o dei suoi nonni. Capita così che molti si indispettiscono quando gli viene suggerito che la cosa migliore – se si vuole comprendere come sia stato possibile che il paese applicasse con zelo quelle normative razziste – è osservare con sguardo distaccato la cronaca quotidiana odierna, con la sequenza di invettive xenofobe e episodi di violenza spicciola che la contraddistingue.

Assai banale è il primo capovolgimento retorico con cui dobbiamo fare i conti: oggi dire a qualcuno che è razzista equivale a offenderlo. Denigrazione aggravata dal ricorso a formule generiche, come quando in televisione si sollevano sdegno e ironia adombrando che addirittura l’Italia intera sia diventata o ritornata a essere un paese razzista.

Nel 1938, con una campagna propagandistica lanciata a freddo, il razzismo fu pianificato e indicato come virtù nazionale. Semmai erano gli antirazzisti a doversi vergognare: ricordo una copertina gialla de “La Difesa della Razza” del marzo 1939 che ritraeva brutti e vestiti in modo ridicolo l’ebreo, il nero e il meticcio, cioè i soggetti da stigmatizzare, con un titolo che gli faceva il verso: “Antirazzisti di tutto il mondo, unitevi!”. Prendiamone nota, perché questa cifra del sarcasmo – ammantare d’ironia la stigmatizzazione del bersaglio prescelto – è un espediente retorico, questo sì, che si ripropone uguale identico ottant’anni dopo.

Comunque sia, solo sparute minoranze di fanatici brandiscono ancora in pubblico gli argomenti pseudo-scientifici del razzismo biologico, ovvero la superiorità degli ariani sui semiti, o la convinzione di Robert Knox secondo cui “le razze scure sono ferme, quelle chiare progrediscono”.

Il razzismo contemporaneo, che rifiuta di essere rappresentato come tale, ricorre preferibilmente a argomenti di natura storica, culturale o religiosa. Gli uomini sono tutti uguali ma il mondo andrebbe meglio se ciascuno stesse a casa sua, specie se gli intrusi arrivano dall’Africa e senza un soldo in tasca. Quanto ai musulmani, rimasti indietro di alcuni secoli, essi non sarebbero integrabili nelle nostre società occidentali.

Chi oggi predica l’ostilità nei confronti dello straniero, si guarda bene dal teorizzare la superiorità o l’inferiorità di una “razza” nei confronti delle altre. Solo nei confronti dei rom e dei sinti è ancora esteso un compiaciuto ricorso abusivo alle teorie del razzismo biologico: gli “zingari” avrebbero il furto e il vagabondaggio inscritti nel loro Dna; dunque sarebbero portatori di una malattia sociale ereditaria, come tale da estirpare. Sarebbero l’eccezione che conferma la regola secondo cui siamo diventati tutti antirazzisti.

Vi è poi un secondo, diffusissimo capovolgimento retorico nell’armamentario della propaganda dei post-razzisti: essi fanno propria e riproducono, assoggettandola ai propri fini, la terminologia entrata nel linguaggio comune per evocare la memoria delle persecuzioni del secolo scorso. Si proclamano paladini di quella memoria, trasformandola in autocommiserazione. Cito testualmente da un’intervista che il ministro dell’Interno e vicepremier, Matteo Salvini, mi ha concesso in mezzo a una baraccopoli sorta a opera di migliaia di braccianti africani che in Calabria trovano lavoro alla giornata, per raccogliere le arance, ma non ricevono un alloggio dignitoso.

Salvini: “Dove sta il razzismo in Italia? Io non lo vedo. Il vero razzismo, che alimenta altro razzismo, è quello che dice ‘avanti tutti’, immigrazione libera”. Lo sentiamo dire sempre più spesso: se c’è un razzismo, è il razzismo contro gli italiani. Siamo noi le vittime, il popolo minacciato.

Ancora più significativa, in proposito è la parola-chiave ripetutamente utilizzata in televisione da Salvini e altri, quando affermano, testuale, riguardo al flusso migratorio: “È in atto un tentativo di genocidio delle popolazioni che abitano l’Italia” o, a seconda dei casi, “dei popoli europei”. Genocidio, una parola terribile che scuote le coscienze. Siamo noi italiani i nuovi ebrei, i perseguitati di oggi.

Non può stupire, a questo punto, che rimuovendo la memoria del genocidio di cui furono vittime i rom e i sinti europei, venga pubblicamente manifestato fastidio per il fatto che gli appartenenti a quelle etnie di cittadinanza italiana non sono espellibili dal territorio nazionale. Quelli, testuale, “purtroppo, ce li dobbiamo tenere”… e pare quasi una sofferta deroga rispetto al buon principio dell’eliminazione fisica.

Né stupisce che il sindaco di Trieste abbia voluto prendere le distanze dal manifesto con cui un liceo pubblicizzava una mostra sulle leggi razziali, riproducendo la prima pagina del giornale cittadino del 1938 sormontata da questo titolo: “Completa eliminazione dalla scuola fascista degli insegnanti e degli alunni ebrei”. Troppo crudo, per il sindaco Dipiazza. Sentite le sue parole: “Su questi temi non dobbiamo accendere il fuoco. Il Novecento va rispettato, dobbiamo tutti metterci sull’attenti e chiedere scusa, da una parte e dall’altra: ma se ognuno mi fa da distributore di benzina, non la finiamo più”. Chiedere scusa da una parte e dall’altra. Non è ben chiaro di cosa dovrebbero chiedere scusa gli ebrei espulsi dalle scuole, se non di essere nati. Qui davvero ci soccorre la citazione del filologo Cesare Segre opportunamente proposta a noi poco fa dal rettore Paolo Mancarella, a proposito di un paese “uscito senza rossore dalla vergogna”. Il sindaco di Trieste ha maldestramente impersonato il buonsenso codardo di un paese che fascista lo è già stato, e non se ne è mai dispiaciuto troppo.

Il terzo espediente retorico che va per la maggiore, è il cospirazionismo. Vorrei tornare per un attimo al “tentativo di genocidio dei popoli europei in atto”, da cui Salvini pretenderebbe di mettere in guardia la cittadinanza. Non sarebbe giusto lasciarlo in sospeso. Come è noto, oggi i nuovi guardiani della civiltà europea usano definirla “giudaico-cristiana”, includendovi disinvoltamente con quella lineetta o trattino di punteggiatura l’ebraismo additato nel 1938 come suprema minaccia. Ebbene, sarà interessante rilevare che, guarda caso, il principale artefice di questo disegno criminoso di “sostituzione etnica”, cioè del cosiddetto piano immigrazionista volto ad abbattere il costo della manodopera e a sradicare le identità culturali d’Europa, sarebbe di nuovo un ebreo cosmopolita: Gyorgy Schwartz, nato a Budapest nel 1930 e residente a New York dal 1956. Meglio noto come George Soros, finanziere dal patrimonio valutato intorno ai 23 miliardi di dollari, che ne ha investiti 12 per promuovere una “società aperta e liberale in tutto il mondo”. Che coincidenza, è di nuovo lui la bestia nera. Ci sono parlamentari del nostro partito di maggioranza relativa che definiscono apertamente Soros come “un criminale” che, se rimettesse piede nella nostra penisola, dovrebbe essere arrestato.

Noi commemoriamo qui l’espulsione di docenti e studenti ebrei dalle università italiane nel 1938.

A Budapest in questi stessi giorni il governo sta adottando provvedimenti al fine di espellere dal territorio ungherese una università intera, la Ceu (Università dell’europa centrale) fondata da Soros e presieduta da Michael Ignatieff. Ai suoi studenti e ai suoi docenti credo debba giungere la nostra piena solidarietà.

L’accusa non è più quella esplicitamente antisemita di far parte di una cospirazione demoplutomassonicogiudaica. L’accusa ora è di essere mondialisti, o globalisti. Nel suo paese natale, Soros è accusato da testi di propaganda governativa fatti pervenire a tutte le famiglie di voler portare in Europa un milione di migranti all’anno, finanziandoli con 30 mila euro a testa. Per questo avrebbe assoldato tante organizzazioni non governative; e naturalmente tanti propagandisti del verbo immigrazionista, come il sottoscritto. L’inverosimiglianza di tali accuse evoca, per analogia, I protocolli dei savi di Sion, ma, nondimeno, le hanno fatte proprie tutti i movimenti sovranisti europei.

Si arriva così inevitabilmente al quarto capovolgimento retorico, che è anche il più classico, fin dai tempi di Esopo e della favola del lupo e dell’agnello: il vittimismo. Gli stranieri sono i privilegiati, il popolo italiano ne è la vittima.

Nel 1938 i giornali cercavano di dimostrare, sotto dettatura del regime, l’esistenza di una minaccia alla nazione rappresentata dallo “strapotere ebraico”. Avidi detentori delle leve dell’economia, o sovversivi “giudeobolscevichi” che fossero, ben presto venne fatta cadere anche la distinzione fra ebrei di cittadinanza italiana e i profughi dall’Europa centrale, perché tutti dovevano essere considerati estranei al corpo sano della nazione. La Chiesa stessa condivideva l’argomento secondo cui gli ebrei erano sovra-rappresentati nella finanza, nell’editoria, nelle professioni e nell’università, dunque occorreva discriminarli fino a ristabilire le giuste proporzioni etniche.

Oggi che gli ebrei vengono incorporati d’ufficio nel novero della “civiltà europea”, è nei confronti degli immigrati extracomunitari che si fa circolare la falsa idea secondo cui i nuovi arrivati godrebbero di sussidi economici e prestazioni di welfare in misura maggiore rispetto agli italiani con basso reddito. Falso, ma fa molta presa.

Riecheggiano i luoghi comuni tipici dell’Italia di un secolo fa, soprattutto degli anni immediatamente precedenti e successivi alla prima guerra mondiale, quando l’autocommiserazione trovava i suoi cantori in Giovanni Pascoli e Gabriele D’Annunzio. Fu il primo a proporre l’annullamento delle classi sociali nell’indistinto patriottico della Grande Proletaria; e fu il secondo a cavalcare il revanscismo della Vittoria Mutilata.

Oggi come allora, chi si sottrae a tale declinazione vittimistica del patriottismo è esposto all’accusa di slealtà nei confronti della nazione. Tornano gli elenchi di intellettuali e avversari politici definiti spregiativamente “apolidi”, prezzolati dalle tecnocrazie sovranazionali, traditori degli interessi del popolo.

Tutto questo all’insegna di un ritrovato superomismo maschile, perché non è faccenda da signorine guidare il popolo nella sfida contro i suoi nemici esterni, che siano i burocrati di Bruxelles o i falsi profughi dei barconi, ora non più “scortati” dalle navi delle ong, dispregiativamente ribattezzate “taxi del mare”.

La potenza di tale offensiva ideologica rende arduo, se non impossibile, un processo di identificazione solidale tra i migranti di ieri e quelli di oggi; tra i profughi di ieri e quelli di oggi.

Come è noto nel secolo successivo alla sua fondazione come regno unitario nel 1861 l’Italia ha avuto circa 27 milioni di emigranti. Ma anche fra loro e i loro discendenti è facile sentirti obiettare: “Come ti permetti di fare il paragone? Questa gentaglia non è come noi. Questi rubano e violentano le donne, noi volevamo solo lavorare”. E quanto ai profughi ebrei che nel 1938 a centinaia di migliaia cercavano ospitalità in Europa, la loro innocente rispettabilità viene definita incomparabile con i fuggiaschi del tempo contemporaneo. Solo alcuni testimoni sopravvissuti della Shoah insistono nel richiamare i meccanismi dell’indifferenza che stritolarono le loro esistenze e che oggi vedono ricomparire.

La retrocessione di status e le decurtazioni di reddito avviate già prima della grande recessione del 2008, hanno favorito la diffusione del falso luogo comune secondo cui l’unica maniera efficace di difendersi sarebbe circoscrivere ai soli cittadini italiani l’assegnazione dei posti di lavoro, delle case popolari e delle tutele del welfare.

Forse, nel mio tentativo di comparazione storica fra il 1938 e il 2018, questa è la nota più amara: tanto fu pianificato a freddo, dall’alto, il razzismo biologico di Stato del regime fascista, tanto il razzismo culturale odierno si avvale di una poderosa spinta dal basso, di un consenso popolare che di recente ha rotto gli argini sentendosi libero di manifestarsi, finalmente, come l’esistenza di tabù consolidati non gli aveva consentito fino a qualche anno fa.

Ci è voluto del tempo, una lunga e metodica preparazione, affinché nel dibattito pubblico italiano conquistasse vittoriosa il centro della scena la tracotante iattura del “politicamente scorretto”. Contribuendo in maniera decisiva alla diffusione della xenofobia e all’odio per gli stranieri che nel nostro paese sta passando rapidamente dalle parole ai fatti.

Qui torna molto utile il riferimento agli intellettuali che negli anni venti e trenta del secolo scorso prepararono l’avvento della persecuzione razzista. Perché le analogie tra il linguaggio che essi adoperavano e quello adoperato da alcuni loro colleghi contemporanei, pur nella diversità dei mezzi a disposizione, sono impressionanti.

Allora come oggi la sfida viene lanciata contro un codice linguistico – irriso come “politicamente corretto” – liquidato in quanto inadeguato a esprimere le vere pulsioni del popolo, perché imprigionato nella gabbia del potere culturale e finanziario. Loro sì che hanno il coraggio di dire “pane al pane e vino al vino”, senza paura delle trasgressioni e delle invettive necessarie, senza guardare in faccia nessuno.

Telesio Interlandi, Giorgio Almirante, Giovanni Preziosi, ma anche il più algido filonazista Julius Evola e il popolarissimo Giovannino Guareschi, si presentavano come giornalisti brillanti e anticonformisti, polemisti anti-establishment, col gusto della provocazione e della battuta di spirito, con quel pizzico di eresia anche nei confronti del Partito nazionale fascista che non guastava. Prima su “Il Tevere” e sul settimanale “Il Travaso delle Idee”, poi su “La Difesa della Razza” e su tutta la grande stampa, fecero largo uso della satira, con rime e vignette che schernivano l’avarizia degli ebrei, l’eccessivo potere di Toeplitz e della sua Banca commerciale, le usanze dei neri africani cannibali primitivi e il richiamo sessuale rappresentato dalle loro donne.

Ma si fa per scherzo, non sarete così poco spiritosi da non distinguere una provocazione da un discorso serio? Ce lo sentiamo ripetere di nuovo oggi.

Anche qui si ricorre ai già citati meccanismi del capovolgimento. Quando ho chiesto al direttore de “Il Tempo” come mai aveva scelto di insignire con un titolone della sua prima pagina Benito Mussolini come “uomo dell’anno 2017”, lui mi ha risposto sorridendo: “Ma non ti rendi conto che glielo avete dato voi quel premio, con il vostro antifascismo che ha stufato gli italiani?”. Di recente, in più di un’occasione, l’Anpi (Associazione nazionale partigiani d’Italia) ha protestato per dei funerali fascisti con saluto romano e triplice grido “presente”. Gli hanno risposto che si tratta solo di innocua tradizione, come tale da accettare con ironia, folklore. Se l’antifascismo viene ridotto a tradizione, calcificato in quanto ideologia di altri tempi, anacronistica e obsoleta, allora perché non sfidarlo con questo espediente: tradizione contro tradizione. Espongo il busto di Mussolini perché sono per la libertà di espressione; le leggi razziali erano sbagliate ma il fascismo non era poi così male.

Ebbene, credo che oggi siano all’opera in Italia dei nuovi Telesio Interlandi, Julius Evola, Giovanni Preziosi, Giorgio Almirante, Giovannino Guareschi. Altrettanto brillanti e spiritosi, capaci di attualizzare lo stesso armamentario suggestivo della propaganda de “La Difesa della Razza” sui loro giornali e per televisione, utilizzandone i medesimi stilemi, solo rivolgendoli contro altre minoranze. Avvalendosi pure di quel tanto di gusto del proibito con cui si possono spacciare le trivialità, le mistificazioni grossolane della storia, gli sfoghi di malumore, come autentico linguaggio del popolo, così vezzeggiato e denigrato al tempo stesso. Non a caso questi propagandisti dell’odio per gli stranieri amano ricorrere a una spregevole metafora gastrica secondo cui bisognerebbe imparare a parlare alla “pancia” del paese.

A questa platea di storici vorrei segnalare, a futura memoria, che la punta di diamante dell’incitazione xenofoba in chiave grottesca, lo zenit della violenza verbale, in Italia viene diffusa via etere ogni sera, da diversi anni, da un programma di successo trasmesso sulle frequenze della radio di proprietà della nostra associazione degli imprenditori, la Confindustria. Che fa finta di nulla, sia perché gli ascolti sono ottimi sia per il timore di venire accusati di attacco alla libertà di espressione. Che si traduce ogni sera in frasi come “ci vorrebbe Hitler, le camere a gas, sterminarli tutti, anche i bambini”, per i rom; e in citazioni sui “negri da fatica e i negri da cortile”, riguardo ai migranti. Come mi ha fatto notare Stefano Levi Della Torre, a volte può far comodo, perfino inconsciamente, dirottare l’ostilità popolare che si volge contro il privilegio e il parassitismo, addosso ad altre figure, così da farla franca.

I conduttori dei principali talk-show televisivi si contendono i protagonisti, politici e giornalistici, di questa impetuosa rottura dei codici linguistici. Talmente grati del successo di audience che gliene perveniva, da ignorare l’eventualità di un prossimo passaggio dalle parole ai fatti.

Cosa volete, in Italia è successo, è vero, ma sono passati ottant’anni, impossibile che si ripeta di nuovo”.

Ha suscitato molto fastidio, nel settembre 2018, la decisione della Alta Commissaria per i Diritti Umani delle Nazioni Unite, Michelle Bachelet, di inviare funzionari in Italia, testuale, “per valutare il riferito forte incremento di atti di violenza e razzismo contro migranti, persone di discendenza africana e rom”. Eppure, il passaggio da una violenza verbale e/o virtuale ormai dilaganti all’esercizio della violenza fisica si è fatto frequente e sistematico.

Per alcune settimane, nel corso dell’estate 2018, in diverse località sono stati sparati colpi di pistola scacciacani o di fucile a pallini contro passanti di colore, colpendo perfino una bambina rom di 14 mesi in braccio a sua madre. Si registrano continuamente aggressioni fisiche e minacce che già più volte hanno provocato la morte di persone colpevoli solo delle proprie origini.

Da quella tossica, morbosa dittatura dell’ironia siamo passati alla denigrazione di chi presta opera volontaria di soccorso ai migranti, accusato di fare del “business” e di calpestare gli interessi dei poveri italiani.

È una sequenza quotidiana di episodi minimizzati e/o giustificati da chi ha scelto di fare della lotta all’immigrazione il suo “mantra”, considerati i vantaggi di uno slogan dal sapore antico come “Prima gli italiani”.

Noi rischiamo l’assuefazione, la storia insegna che ci si abitua in fretta. Viene, anzi, fatta circolare l’idea (ennesimo capovolgimento) che, se torna il razzismo, un bel po’ di colpa ce l’hanno gli antirazzisti che gli fanno pubblicità per trarne vantaggio personale. Questi “radical chic” che ignorano le sofferenze degli italiani, stigmatizzati con argomenti in tutto simili a quelli adoperati dalla propaganda di regime contro gli intellettuali antifascisti accusati di intendenza con lo straniero.

Nel dopoguerra, quando timidamente si chiedeva in giro ai cittadini italiani come la loro coscienza avesse convissuto con l’applicazione delle leggi razziali e le persecuzioni conseguenti, la risposta più frequente che si riceveva era: “A dire il vero, non mi sono accorto di nulla”. Anche per questo, a volte ritornano.

Intervento alla Conferenza Internazionale “A ottanta anni dalle leggi razziali fasciste” tenuta a Pisa il 2021/09/2018 dopo la “Cerimonia del ricordo e delle scuse”.

Questo articolo è stato pubblicato sul numero 57 de “Gli asini”: acquistalo in pdfabbonati o fai una donazione per sostenere la rivista.

Trackback from your site.

Leave a comment