Non è pericoloso sporgersi. Par Tòt Parata 2013

Partot

Non è pericoloso mangiare senza posate.

Non è pericoloso arrampicarsi sugli alberi, raccogliere le ciliegie, affacciarsi alla finestra e decidere di scendere.

Non è pericoloso sedersi sui marciapiedi, sotto ai portici, in piazza.

Non è pericoloso viaggiare in bicicletta.

Non è pericoloso scrivere, informare, chiedere.

Non è pericoloso camminare senza scarpe, non stirare la camicia e avanzare sui trampoli.

Non è pericoloso danzare, mimare, teatrare, giocolare.

Non è pericoloso innamorarsi.

Non è pericoloso piantare un fiore e coltivare un orto, un giardino, un angolo verde in cui fermarsi e pensare.

Non è pericoloso sporgersi.

Torna la Par Tòt e si trasferisce al Pilastro, ribaltando i confini fra centro e periferia, allargando orizzonti e prospettive. C’era una volta un pilastro in pietra che indicava i confini della città. Oggi, nello stesso luogo, c’è il Pilastro dove parte il nostro centro. Centro è dove siamo noi, perché non è pericoloso sporgersi.

La Par Tòt è un processo in movimento, è una follia effimera, ed aprirsi al Pilastro significa aprirsi a nuove sfide, a nuovi ponti e a sperimentazioni mutevoli.

In questi mesi di preparazione, in cui si sono accavallati laboratori, incontri, spaghettate, è stato un enorme piacere scoprire poco alla volta la realtà del Pilastro, con la sua gente, le sue case, i bar, gli orti e gli angoli nascosti. E sappiamo che per noi è solo l’inizio di un nuovo inizio.

Niente più centri, niente più periferie, ma solo città e relazioni che nascono dal basso, in maniera policentrica, per far sì che le diverse parti si influenzino fra loro, ciascuna con la propria specifica identità.

Ed è così che prende forma la Settimana Par Tòt al Pilastro. Dal 9 al 16 Giugno, in attesa della grande parata, il Parco Pasolini, detto del Virgolone per l’architettura del palazzo che abbraccia tutta l’area verde, ospiterà musica, feste, pic nic e performance, in collaborazione con l’Associazione Universo.

Il 9 giugno, a partire dal primo pomeriggio, verrà montata infatti, in un rituale inclusivo e partecipato, una grande tenda marocchina che diventerà luogo di ritrovo, di incontri, laboratori, spettacoli, performance e follie creative estemporanee.

E poi, il 15 giugno, a completare una settimana di festa, riflessioni, danze e musica, si partirà tòt assieme alle ore 16.00 dal giardino della Biblioteca Luigi Spina, in via Casini 5, e si arriverà al Parco Pier Paolo Pasolini detto del Virgolone.

Niente carri a motore o musica amplificata, ma solo musica dal vivo e tanta energia per una città da reinventare: creativa, accogliente, ecologica, interculturale , intergenerazionale e inclusiva.

Il Pilastro è facilmente raggiungibile in bicicletta, basta uscire dalle mura e ritrovare il gusto di avanzare come su un tappeto volante sulla ciclabile di via San Donato, lasciarsi il parco San Donnino alle spalle e varcare il cavalcavia. Oppure, se non si possiedono mezzi a due ruote, gli autobus che ci arrivano sono il 20, il 14C e il 35.

E per tornare a casa, niente paura, stessa strada ma a ritroso. Se come Cenerentola non volete che la carrozza si trasformi in zucca, prendete al volo le ultime corse dei bus poso dopo la mezzanotte. E se perdete anche quelle, condividete passaggi in auto con chi è rimasto a piedi: il punto car-sharing è al circolo La Fattoria, in via Pirandello 6; oppure condividete un taxi; li troverete all’ incrocio Svevo-D’Annunzio.

Settimana Par Tòt al Pilastro

Domenica 9 giugno – Par Tòt nelle scuole e Lingue Madri in festa

Dalle 13.00 – parco Pier Paolo Pasolini detto del Virgolone

Pic nic con assaggi da vari paesi, festa di fine anno delle scuole di Lingua Madre , performances dei laboratori par tòt che si sono svolti nelle scuole e Biblioteca Salaborsa Ragazzi con l’angolo dei libri in lingua madre e il laboratorio “Come si dice libro?”

In collaborazione con le associazioni Al Ghofrane, Sopra i ponti, La Jeunesse marocaine, Comunità Eritrea, Giovani Eritrei e Donne Eritree, Next Generation Italy e con Biblioteca Salaborsa Ragazzi

Ore 17-20 Laboratorio di costruzione di Lanterne con Elsa Kartouby dell’Associatzione Frères Poussière (Parigi)

 

Martedì 11 giugno – Unna, lanterne e pizzica

ore 18.30 Unna / هــــــــن  donne in movimento nel Marocco che cambia / documentario; 30 min. Marocco/ Regia: Sara Creta e Jamila Lamnate; in collaborazione con  le associazioni Anassim e Sopra i ponti

Ore 17-20 Laboratorio di costruzione di Lanterne con Elsa Kartouby dell’Associatzione Frères Poussière (Parigi)

ore 20.30 Prove aperte del laboratorio di pizzica e tarantelle a cura di Cecilia Casiello e Progetto Satyria

 

Mercoledì 12 giugno – Lanterne

Ore 17-20 Laboratorio di costruzione di Lanterne con Elsa Kartouby dell’Associatzione Frères Poussière (Parigi)

 

Giovedì 13 giugno – Festa per Ismail – Serata rap e hip hop

Dalle 19.00 – Parco Pier Paolo Pasolini detto del Virgolone

Special guests: Pensieri Molesti, Kyodo (FNO) e altri. A cura del gruppo Ciusma Records con le crew del Pilastro.

Ore 17-20 Laboratorio di costruzione di Lanterne con Elsa Kartouby dell’Associatzione Frères Poussière (Parigi)

 

Venerdì 14 giugno – Festa delle Lanterne, performances e incontro sul Gorilla Quadrumàno

Dalle 19.00 Presso il Parco Pier Paolo Pasolini detto del Virgolone

Le lanterne costruite con le artiste dell’Associatzione Frères Poussière illumineranno la notte, in attesa della grande Par Tòt. Prima del crepuscolo, la magia delle luci sarà preceduta e accompagnata da performance di danza, musica e teatro dei laboratori par tòt. In collaborazione con la Fabrique des Impossibles di Parigi.

A seguire una chiacchierata per ricordare, scambiare e aprire riflessioni sull’arte partecipativa. Con Massimo Marino, Aldo Sisillo, Antonio Utili,  Oscar de Paoli, Sandra Cavallini, Lydia Buchner, Carmine Scianguetta e tutti coloro che vogliono lasciare la loro testimonianza.

Ore 22 live degli Afrobeat

 

Sabato 15 giugno – PAR TòT PARATA 2013 – Non è pericoloso sporgersi

Dal primo pomeriggio fino a sera, per le strade, le piazze, i giardini, i cortili e le case del Pilastro.

Partenza ore 16.00 dal giardino della Biblioteca Luigi Spina, via Casini 5, e arrivo al Parco Pier Paolo Pasolini, detto del Virgolone

Il  percorso toccherà vie interne del quartiere come via D’Annunzio, per sboccare su Via Panzini, Via Trauzzi, Via Casini, Via Ada Negri; in seguito costeggia tutto il Virgolone lungo via Salgari per infine andare a terminare presso il Parco Pier Paolo Pasolini.

 

Domenica 16 giugno – International Pic Nic and Happy Cleaning 

Dalle 13.00 – Tòt invitati a portare da mangiare e poi, tòt insieme appassionatamente, con guanti e sacchi del rusco, si finisce di pulire il parco per lasciarlo bello lindo come ci ha accolto.

 

Trackback from your site.

Leave a comment