Da abuso edilizio a evento planetario: la strana storia di Dale Farm

di Nando Sigona

Foto di Susan Craig-Greene

“Abbiamo messo il sito in sicurezza”, dice Tony Ball, il sindaco di Basildon. Decine di giornalisti giunti da tutto il mondo lo circondano. Telecamere, cavi, microfoni, macchine fotografiche, riflettori sono in postazione da giorni; insolita scena da queste parti. Basildon è una new town nata nel dopoguerra dalla fusione di tre villaggi, architettura modernista a basso costo per i pendolari della strabordante Londra. Tony Ball è un politico di provincia – uno dei tanti conservatori che governano l’Inghilterra non metropolitana – che una vicenda di abusi edilizi ha portato sorprendentemente alla ribalta internazionale. La vicenda in questione si può riassumere in due righe: circa ottanta famiglie hanno costruito e abitato abusivamente su terreni di loro proprietà per dieci anni, tentando ripetutamente ma senza successo di condonare gli abusi post-facto. Una vicenda, tutto sommato, di ordinaria amministrazione che però ha intercettato, per caso o per astuta pianificazione, interessi e dibattiti che avevano luogo in altre sedi – a Westmister, a Brussels, a New York. Ed è così che Tony Ball si è trovato lo scorso 19 ottobre a commentare in diretta sui media di mezzo mondo lo sgombero violento di alcune piazzole di Dale Farm, un’area di sosta privata abitata complessivamente da un migliaio di cittadini britannici appartenenti alla minoranza legalmente riconosciuta degli Irish Travellers.

Mentre Tony Ball rassicurava il mondo sul positivo svolgimento dello sgombero, la sua voce era offuscata dall’incessante rumore dell’elicottero della polizia che per ore ha sorvolato e filmato l’area dello sgombero. Intanto a poche decine di metri dalla sala di comando dove si svolge l’intervista, centocinquanta poliziotti in tenuta anti-sommossa fanno irruzione nel perimetro non autorizzato di Dale Farm. Le impalcature e barricate messe su nelle settimane precedenti si sbriciolano in pochi minuti, i poliziotti in gruppi serrati seguono i loro manuali di istruzioni sullo sgombero perfetto. Urlano e battono i manganelli contro la plastica degli scudi. Attivisti e volontari di varia provenienza che per settimane sono stati accampati a Dale Farm in segno di solidarietà provano ad interporsi, a rallentare l’avanzata, ma i poliziotti procedono inesorabilmente alla “bonifica” per lasciare spazio alle ruspe e allo squadrone di duecento ufficiali giudiziari e operai che mettono su teli e nastri colorati, delimitano le piazzole, leggono delibere e iniziano la demolizione.

Alcune famiglie hanno trasportato le loro case mobili in terreni di parenti e amici nei giorni precedenti per evitare la distruzione “accidentale” della loro casa, altri hanno traslocato i loro oggetti più cari nella parte autorizzata dell’insediamento, altri ancora aspettano non avendo altro posto dove andare. I giornali popolari di destra hanno attizzato l’opinione pubblica per mesi, facendo diventare Dale Farm l’inferno, “il più grande insediamento di zingari d’Europa”: un’assurdità, ma molto efficace. Questa campagna si è intensificata quando la vicenda ha iniziato ad assumere rilievo internazionale. Quando, in particolare, un discreto numero di agenzie e organizzazioni europee ed internazionali per i diritti fondamentali, umani e delle minoranze ha fatto giungere le proprie perplessità sulla gestione della vicenda al governo Cameron e si è iniziato ad incrinare il supporto popolare per l’approccio “law and order” dei conservatori. La risposta del governo a queste critiche è stata quella di chiudersi a riccio, accusando la comunità internazionale di interferenze indebite. Un tipico esempio di due pesi due misure.

Interessante come nel silenzio dei laburisti, una delle poche voci critiche nel panorama politico inglese sia stato Lord Avenbury, un liberal democratico con una storia di battaglie per i diritti umani e le minoranze. Purtroppo l’intervento non ha cambiato il percorso della vicenda. Un’altra indicazione delle relazioni di forza nell’attuale governo di coalizione.

Ai contribuenti britannici l’operazione di sgombero di Dale Farm è costata quasi venti milioni di sterline, oltre a mettere sulla strada quattrocento persone che ora dovranno trovare altre aree di sosta dove fermarsi. Ma le aree di sosta non ci sono, come ben sanno il comune di Basildon e il governo britannico. Il precedente governo aveva fatto piani per individuare e rendere disponibili alla sosta quattromila nuove piazzole, non sufficienti per coprire il bisogno abitativo di tutti, ma un passo avanti. Purtroppo come spesso accade negli interventi a sostegno di queste comunità la volontà politica si è dissolta prima che il piano diventasse progetto concreto, con qualche eccezione. Il comune di Bristol ha allestito due aree sosta per viaggianti all’interno dei suoi programmi di edilizia popolare per una cinquantina di famiglie per un costo totale di tre milioni di sterline. Quando è arrivato il governo conservatore il piano dei Laburisti è stato infilato in un cassetto. Niente di personale e certamente non si tratta di razzismo, dicono i rappresentati istituzionali; bisogna dare più potere di scelta alle municipalità non si possono imporre interventi del genere dall’alto, è la giustificazione che fa eco al programma “localista” del nuovo governo.

C’è però anche un’altra parte del programma di governo che i rappresentanti istituzionali hanno astutamente omesso di richiamare durante gli accessi dibattiti che hanno preceduto lo sgombero, cioè quello di riformare radicalmente la normativa sull’urbanistica e attuare una deregulation della materia per dare ai cittadini (e agli imprenditori edilizi) maggiore libertà di costruire, rivedendo anche le norme che riguardano le cinture verdi (green belt) che circondano le aree urbane. Strano che nessun conservatore si sia ricordato di questa decennale battaglia durante la vicenda Dale Farm. Infatti, la colpa imperdonabile compiuta dai Travellers era quella di aver costruito su terreni di loro proprietà ma non edificabili perchè all’interno della green belt di Basildon.

Infine, vale la pena ricordare che i conservatori hanno un enorme responsabilità nell’aver creato i presupposti che hanno portato agli abusi edilizi di Dale Farm. Nel 1994 fu infatti proprio il governo conservatore di John Major ad abolire il Caravan Site Act del 1968 che imponeva ai comuni di predisporre aree per la sosta nei loro territori e fondi nazionali destinati a questi progetti, incoraggiando i Travellers ad acquistare terreni da adibire alla sosta (sul modello della Thatcher che aveva messo in vendita il patrimonio di case popolari pochi anni prima) e i comuni ad essere più flessibili nella valutazione delle richieste per permessi edilizi dei Travellers visto il loro oggettivo svantaggio. Il primo insediamento a Dale Farm è parte di questa storia, così come il suo successivo allargamento. Purtroppo però il comune di Basildon, sebbene conservatore, non ha mantenuto la sua parte di promessa.

Trackback from your site.

Leave a comment